Frullatore a immersione, frullatore classico, mixer, tritatutto: vediamo le differenze

1
2
3
4
5
homgeek Frullatore ad Immersione, Mixer a Immersione Professionale 4 in 1, 5 Velocità Regolabile...
Bosch MSM66120 Frullatore ad immersione, Colore Bianco/Grigio
Kenwood HDP404WH Mixer ad Immersione, 800 W, Tritatutto da 0,5 l, Bicchiere graduato da 0,75 L,...
BLACK+DECKER BXHBA1000E Frullatore a Immersione, 1000 W, Inox/Plastica, Nero/Acciaio
Yissvic Frullatore Immersione 1000W 9 Velocità Minipimer Mixer Immersione 4 in 1 Acciao...
homgeek Frullatore ad Immersione, Mixer a Immersione Professionale 4 in 1, 5 Velocità Regolabile...
Bosch MSM66120 Frullatore ad immersione, Colore Bianco/Grigio
Kenwood HDP404WH Mixer ad Immersione, 800 W, Tritatutto da 0,5 l,
Bicchiere graduato da 0,75 L,...
BLACK+DECKER BXHBA1000E Frullatore a Immersione, 1000 W, Inox/Plastica, Nero/Acciaio
Yissvic Frullatore Immersione 1000W 9 Velocità Minipimer Mixer Immersione 4 in 1 Acciao...
9.4/10
9.2/10
9/10
8.6/10
8.6/10
homgeek
Bosch
Kenwood
BLACK+DECKER
YISSVIC
OffertaBestseller No. 41
homgeek Frullatore ad Immersione, Mixer a Immersione Professionale 4 in 1, 5 Velocità Regolabile...
homgeek Frullatore ad Immersione, Mixer a Immersione Professionale 4 in 1, 5 Velocità Regolabile...
【MULTIFUNZIONE 4 IN 1, GRANDE PORTATA】 Il frullatore a immersione è dotato di un vetro da 600...【ALTE PRESTAZIONI】 Il motore ad alte prestazioni da 800W fornisce una potenza potente per...【5 VELOCITÀ REGOLABILE E PULSANTE TURBO】 Il miscelatore elettrico manuale Homgeek offre un...
9.4/10
59,99 €34,99 €
OffertaBestseller No. 42
Bosch MSM66120 Frullatore ad immersione, Colore Bianco/Grigio
Bosch MSM66120 Frullatore ad immersione, Colore Bianco/Grigio
Piede in acciaio inossidabile con quattro lame per tritare e sminuzzare facilmenteMotore da 600 wattPulsante turbo per la massima potenza e 12 velocità
9.2/10
57,90 €33,00 €
OffertaBestseller No. 43
Kenwood HDP404WH Mixer ad Immersione, 800 W, Tritatutto da 0,5 l,
Bicchiere graduato da 0,75 L,...
Kenwood HDP404WH Mixer ad Immersione, 800 W, Tritatutto da 0,5 l, Bicchiere graduato da 0,75 L,...
Sistema Triblade: un gruppo di 3 lame per aumentare la superficie di taglio e migliorare le...Potenza 800 W per risultati veloci e ottimiVelocità di lavorazione variabile selezionabile in continuo e Turbo
9.0/10
105,00 €69,00 €
Bestseller No. 44
BLACK+DECKER BXHBA1000E Frullatore a Immersione, 1000 W, Inox/Plastica, Nero/Acciaio
BLACK+DECKER BXHBA1000E Frullatore a Immersione, 1000 W, Inox/Plastica, Nero/Acciaio
8.6/10
Bestseller No. 45
Yissvic Frullatore Immersione 1000W 9 Velocità Minipimer Mixer Immersione 4 in 1 Acciao...
Yissvic Frullatore Immersione 1000W 9 Velocità Minipimer Mixer Immersione 4 in 1 Acciao...
8.6/10

Di frullatori in commercio ne esistono di tutti i tipi, forme e colori. Per scegliere l’elettrodomestico più giusto e adatto alle nostre necessità dobbiamo tenere conto di alcuni aspetti. Uno dei più importanti è sicuramente di natura economica; la domanda da porsi sarà: qual è il budget che abbiamo a disposizione? Un secondo fattore da prendere in considerazione riguarda l’uso che se ne deve fare. In questa guida proveremo ad analizzare i vari tipi di frullatore e a conoscere le principali differenze tra frullatore normale, ad immersione, mixer e tritatutto.

 

Frullatore “classico” e ad immersione

Se vogliamo tagliuzzare e sminuzzare sia la frutta che la verdura possiamo fare uso di un frullatore, ma anche di una centrifuga o di un estrattore. Ecco perché è importante riconoscere i vari prodotti e conoscerne le rispettive caratteristiche. Al momento dell’acquisto non possiamo affatto sbagliare: dalla nostra scelta dipenderà anche il risultato delle nostre preparazioni.

I frullatori sono caratterizzati da lame che roteano in modo rapide ed efficace. Questi elettrodomestici sono in grado di triturare gli alimenti e di dare vita ad una polpa nutriente e abbondante. Il discorso cambia se invece optiamo per una centrifuga o per un estrattore: in questo caso il risultato finale è un succo da bere.

Con i frullatori si preparano salse, pappine, sughi e frullati. Le centrifughe e gli estrattori sono più adatti per la preparazione di bibite: la polpa viene separata dal succo.

 

 

Passiamo ora ad accendere i riflettori sull’articolo che più ci interessa: il frullatore. Sono due le famiglie principali: il frullatore classico, detto anche blender, e il frullatore ad immersione. Il primo è caratterizzato da una base e da un recipiente con coperchio. Il motore è posizionato nella base mentre i comandi per regolare la velocità e i tasti di accensione e spegnimento si trovano sulla superficie esterna. Per utilizzare il frullatore, basta seguire pochi passaggi: si posiziona il recipiente, dalla forma di bicchiere, sulle lame e al suo interno si versano gli alimenti da frullare. Si mette in moto l’apparecchio dopo aver avvitato il coperchio.

Il frullatore classico è sicuramente più grande rispetto ad un frullatore ad immersione e occupa, dunque, maggiore spazio in cucina. La sua struttura necessita di una superficie di lavoro e di appoggio affinché possa entrare in azione. Inoltre il frullatore ad immersione è dotato di un recipiente che ha una capienza superiore rispetto a quella di un minipimer. Sono tanti di più gli alimenti che possono essere frullati.

Il frullatore classico viene utilizzato in casa così come nei locali: negli ultimi anni ha ottenuto un forte riscontro anche nei bari e nelle discoteche. L’elettrodomestico viene impiegato per tritare il ghiaccio e per preparare cocktails di tutti i tipi. Spesso serve anche a tritare i chicchi di caffè.

Ci sono frullatori accessoriati e più avanzati tecnologicamente che riescono anche a lavorare la farina o a tritare nocciole e noci. Sia il frullatore classico che quello ad immersione sono elettrodomestici consigliati per la preparazione di frappè e bevande da bere soprattutto durante la stagione estiva quando fuori la temperatura è rovente.

I minipimer

I minipimer sono elettrodomestici da cucina molto pratici e funzionali. Si tratta di piccoli apparecchi che risultano comodi a chi ama stare ai fornelli. Il minipimer, a differenza del classico frullatore, può essere usato anche all’interno di pentole ed altri recipienti. Non va dunque usato solo unitamente al bicchiere in dotazione.

Il minipimer è ideale per la preparazione di minestre, vellutare e salve. E’ molto leggero e semplice da manovrare. Non occupa spazio in quanto non ingombrante. Spesso viene impiegato come valida alternativa di uno sbattitore elettrico.

Ma quanto costa un minipimer? Quali sono le caratteristiche che influenzano il suo prezzo? Sicuramente il valore di questo elettrodomestico da cucina cambia a seconda della potenza, dei materiali, del tipo di lame, della velocità, dei programmi, della forma e delle dimensioni.

Si tratta di un prodotto funzionale e soprattutto versatile perché può essere di aiuto per più preparazioni in cucina. Dai frullati alle salse, dai drink ai frappè sino ad arrivare alle ministre. Il frullatore ad immersione rappresenta anche un valido alleato nella fase in cui si decide di svezzare il proprio bambino. Possiamo, infatti, preparare pappine e creme di vario tipo. Ci sono poi modelli molto più indicati per creare sorbetti, bibite ghiacciate e gelati. I frullatori ad immersione vengono definiti pure una scelta intelligente in quanto sono capaci di creare salse nutrienti e genuine in modo da evitare che vengano acquistate già confezionate all’interno dei supermercati.

Com’è fatto un frullatore ad immersione?

Il frullatore ad immersione è caratterizzato da una serie di importanti elementi. Il suo “cervello” è sicuramente rappresentato dal corpo macchina. Qui ritroviamo il motore, la pulsantiera, gli accessori e il cavo di alimentazione. Il corpo macchina deve essere resistente ed è per questo che sono sconsigliati materiali di scarsa qualità. Inoltre l’impugnatura dovrà essere comoda per facilitare l’utilizzo dell’elettrodomestico.

Oltre al corpo macchina, che è la parte più importante del frullatore ad immersione, c’è l’asta che unisce il motore dell’elettrodomestico alle lame. Ci sono prodotti più economici in cui l’asta è interamente in plastica. Molto più resistenti e superiori di qualità sono invece i prodotti che hanno un’asta in acciaio. In molti casi, infatti, i frullatori ad immersione in plastica non sono adatti per essere immersi in pentole e in recipienti con acqua calda. La plastica, inoltre, è un materiale più delicato: basta un colpo o una caduta per terra perché possano crearsi danni e lesioni.

Tra le componenti più importanti di un frullatore ad immersione ci sono sicuramente le lame che assicurano il taglio degli alimenti: devono essere efficienti e ben affilate.

Ci sono frullatori ad immersione che hanno svariate funzioni e che servono anche a tritare gli alimenti più consisenti, il ghiaccio e i legumi. Tra gli accessori di un minipimer ritroviamo anche le fruste che servono a montare la penna o l’albume dell’uovo.

Meglio il frullatore o il mixer?

Meglio acquistare un frullatore o un mixer? E’ tra le domande più gettonate quando decidiamo di acquistare un elettrodomestico da cucina che ci dia un valido aiuto nella preparazione di varie pietanze. Entrambi gli elettrodomestici sono caratterizzati da lame, ma hanno una funzione ben diversa. Scopriamo insieme quali sono le caratteristiche di questi due apparecchi.

Di frullatori ne esistono di due tipi: quello ad immersione e quello con il bicchiere. Questo elettrodomestico è molto utile per la lavorazione di prodotti alimentari che diano poi vita a creme, minestre, salse. Va impiegato soprattutto quando nel composto che dobbiamo frullare è presente un certo quantitativo di liquido.

I mixer, invece, servono a lavorare cibi più solidi e consistenti a differenza dei frullatori. Qui la parte liquida degli alimenti deve essere presente ma in proporzioni sicuramente inferiori. Il mixer può essere adoperato anche per creare la base di alcune torte fresche. Inoltre spesso viene paragonato ad un vero e proprio robot da cucina.

Altro elettrodomestico che può svolgere le stesse funzioni di un mixer è sicuramente la planetaria. Quest’ultimo apparecchio è capace di mixare con le fruste una maggiore quantità di cibi ma non riesce però a triturarli. Caratteristica, quest’ultima, tipica del mixer.

Alla domanda che ci siamo posti all’inizio e che riguarda la scelta tra un frullatore e un mixer, non è sempre semplice rispondere. Potremmo dire che la risposta cambia a seconda del tipo di utilizzo che ne dobbiamo fare. Se siamo abituati a mescolare cibi più liquidi, allora vada per il frullatore; se invece il nostro obiettivo è triturare alimenti più solidi e densi, allora opteremo per il mixer. La planetaria è una valida alternativa ma non è capace di triturare il cibo.

Frullatore o tritatutto: il confronto

Sia il frullatore che il tritatutto sono due elettrodomestici che hanno avuto una certa fortuna nelle nostre cucine. Si tratta di apparecchi accessibili quasi a tutti e reperibili sia nei magazzini che sui siti online. C’è chi sostiene che acquistare un frullatore o un tritatutto sia quasi la stessa cosa e che tra i due elettrodomestici non ci siano poi così tante differenze. Non è così! Il frullatore e il tritatutto sono due apparecchi diversi tra loro; certo qualche somiglianza c’è, ma la struttura e la funzionalità sono ben differenti.

In questo paragrafo proveremo ad illustrarvi le differenze e le caratteristiche in comune di questi due prodotti molto utilizzati in cucina. Questi consigli e queste brevi considerazioni serviranno a farvi prendere la giusta decisione nel caso in cui decidiate di acquistare uno dei due strumenti.

Il primo aspetto da considerare quando decidiamo di mettere al confronto il frullatore con un tritatutto è sicuramente l’aspetto strutturale. Sono due apparecchi diversi tra loro. Occhio, dunque, alle dimensioni. Considerate quanto spazio avete a disposizione nella vostra cucina prima di ogni acquisto. Potreste trovarvi in difficoltà con uno strumento troppo voluminoso.

I frullatori sono molto più grandi ed ingombranti se paragonati ad un tritatutto. Ci sono molti tritatutto che non sono affatto piccoli ma il volume dei frullatori è decisamente maggiore.

A cambiare, oltre alle dimensioni, è anche la capienza del recipiente che viene utilizzato per lavorare gli ingredienti. Nel caso dei frullatori il contenitore è molto alto; nel caso dei tritatutto, invece, il recipiente ha la forma di un cilindro ed è di dimensioni ridotte.

Data la capienza inferiore del recipiente, con il tritatutto possiamo lavorare meno ingredienti rispetto a quanto utilizziamo un frullatore. Ciò non sempre deve essere considerato in modo negativo: talvolta – per alcune preparazioni – è necessario usare una minore quantità di alimenti. Con il frullatore – in questi casi – si va in difficoltà.

A differenziare il tritatutto dal frullatore sono anche le lame. Le lame di un tritatutto si sviluppano in parallelo e sono molto lunghe. Le lame di un frullatore sono invece più piccole e non allineate. Il tipo di lama cambia perché diversa è anche la modalità lavorazione. Con il tritatutto si cerca di lavorare in modo costante e uniforme tutti gli alimenti posizionati in recipienti più piccoli; nel caso del frullatore la rotazione delle lame si registra, invece, allo stesso tempo del mescolamento degli alimenti in modo da ottenere una preparazione più liscia e ben amalgamata.

Ad accomunare questi due elettrodomestici è allora soltanto il funzionamento, anche se soltanto in parte. I due apparecchi sono adatti a lavorare ingredienti diversi tra loro e ad accontentare diverse necessità dei consumatori. Il frullatore è ideale se amate preparare cocktail, frullati e frappè. Insomma acquistatelo se siete amanti di bevande, sia analcoliche che alcoliche. Cosa c’è di meglio soprattutto in estate? Al contempo il frullatore non va comprato se il vostro unico e solo obiettivo è quello di tritare ingredienti solidi e molto resistenti come ad esempio i chicchi di formaggio.

Certo sia il frullatore che il tritatutto possono essere multifunzionali se presentano in dotazione altri accessori. Si tratta di apparecchi da cucina che, in entrambi i casi, appartengono ad una fascia più alta di prezzo.

In conclusione possiamo dire che il tritatutto è un elettrodomestico da cucina consigliato per effettuare preparazioni più veloci e brevi. Per tenerlo in funzione, infatti, bisogna tenere sempre cliccato il tasto che mantiene in azione le lame. Cosa vuol dire? Semplice, se ci occupassimo di preparazioni troppo lunghe, potremmo stancarci le mani. Cosa che non avviene con i triti in quanto si tratta di lavorazioni che richiedono poco tempo. Basta una manciata di secondi et voilà il gioco è fatto.

Il frullatore, invece, è uno strumento da cucina che può essere impiegato pure per preparazioni che richiedono maggiore tempo. Preparare bibite, vellutate di verdure e salse può farci impiegare più tempo ma non avremo problemi nel mantenere in azione il nostro elettrodomestico. Una volta in funzione, non dovremmo tenere sempre premuto il pulsante. Evitate, naturalmente, di far surriscaldare troppo il motore.

Sia il frullatore che il tritatutto possono essere utilizzati per lavorare il ghiaccio. Non tutti i modelli però ne sono capaci. Bisogna optare per i prodotti più accessoriati e indicati proprio per la preparazione di granite e sorbetti. Occhio allora alle proprietà tecniche degli articoli in vendita e al suo libretto delle istruzioni prima di acquistare il vostro elettrodomestico dei sogni.

Migliori frullatori combinato di Dicembre 2019

Migliori frullatori con frusta e sbattitore

Migliori frullatori con tritatutto

Migliori prodotti professionali


Laureanda in Veterinaria, lettrice ‘compulsiva’ e appassionata di scrittura. Adoro arricchirmi quotidianamente di nuove conoscenze e fornire informazioni utili a chi voglia saperne di più su come arredare casa, scegliere gli elettrodomestici giusti e rendere più efficienti le proprie ‘quattro mura’.

8476
Back to top
Frullatore a Immersione